Auricoloterapia o Riflessologia Auricolare



STIMOLAZIONE DEL PADIGLIONE AURICOLARE

"Schema delle connessioni neurologiche"


L’Auricoloterapia è uno strumento di utilità immediata in grado di produrre un resetting posturale, con destrutturazione degli schemi motori e posturali disfunzionali e delle alterate sinergie muscolari.
La Destrutturazione degli schemi centrali alterati che regolano la postura ed il movimento del soggetto è il primo e fondamentale momento per attivare un reale processo di riproduzione posturale e di rielaborazione dello schema corporeo.
Quando ciò avviene è accompagnato da una normalizzazione delle tensioni miofasciali e muscolari, verificabile all’esame clinico funzionale e documentabile con l’elettromiografia.

 

 

LA RIFLESSOTERAPIA OLISTICA

"MECCANISMO D'AZIONE"


E' una tecnica di massaggio applicata sui piedi, ed eventualmente sulle mani.
Si basa sul principio che sui piedi e sulle mani si trovino riflessi tutti gli organi,
le ghiandole, e le parti del corpo. Applicando il massaggio riflessologico si può
quindi avere un effetto o influire sull'organo corrispondente al riflesso stimolato.

 

 


Trattamento Shiatzu

Lo Shiatsu (in giapponese 指圧: Shi = dito e atsu = pressione) è una tecnica di riequilibrio energetico. Esso affonda le sue radici nelle forme di manipolazione e massaggio tradizionali cinesi, come l' am-ma, l' an-fa, il tui na. Non esistono prove scientifiche che lo shiatsu sia in grado di curare alcuna malattia, ma gli operatori shiatsu lo promuovono come un modo per aiutare il rilassamento e affrontare lo stress e la depressione.

Le tecniche dello Shiatsu 

Lo Shiatsu si basa su quattro "pilastri":

  1. il respiro
  2. la postura
  3. la perpendicolarità
  4. la pressione

Lo Shiatsu è una tecnica manuale basata principalmente sulle pressioni portate con i pollici, le dita, i palmi delle mani. Una pressione efficace è caratterizzata da cinque fattori che devono sempre essere presenti:

  1. l'uso del giusto strumento di lavoro
  2. una corretta posizione dell'operatore
  3. una corretta individuazione dell'area su cui operare
  4. l'attenzione dell'operatore
  5. tre fasi pressorie: ingresso, stasi, uscita

Questo permette, contattando il suo livello energetico più profondo e quindi tutti gli aspetti della sua realtà, di risvegliare nel ricevente la sua forza di autoguarigione. Nella medicina tradizionale cinese (MTC) psiche e soma non sono mai stati divisi e questo rappresenta una delle fondamentali differenze con la medicina occidentale.

 

Meridiani energetici

 

SISTEMA DEI MERIDIANI.

L‟energia, „chi‟, scorre attraverso il corpo lungo dei canali ben distinti chiamati meridiani. „Chi: è definita energia vitale; senza di essa siamo morti. E costituita da due nature: quella positiva, yang, e quella negativa, yin. Entrambi questi aspetti sono essenziali per la salute, ma con il giusto equilibrio. Eventuali squilibri nel sistema dei meridiani provocano un accumulo di „chi‟ in un meridiano e una carenza di energia „chi‟ in uno o più meridiani. Questi squilibri possono risultare da disordini alimentari, traumi, fattori ambientali, cambiamenti di stagione o problemi emotivi. Gli squilibri energetici vengono corretti tramite la stimolazione dei punti lungo i meridiani e la manipolazione vertebrale in punti specifici della colonna. Inoltre, vengono forniti al paziente dei consigli alimentari.
 

 

MERIDIANI PRINCIPALI
 

POLMONE

RENE

FEGATO CUORE MILZA MAESTRO DEL CUORE

GROSSO INTESTINO

VESCICA URINARIA

VESCICA BILIARE

PICCOLO INTESTINO

STOMACO

TRIPLICE FOCOLARE

 

 

 

 

Cattura5.JPG
KINESIOLOGIA APPLICATA

In condizioni normali l‟equilibrio strutturale viene assicurato dai muscoli, controllati dal sistema nervoso. Quando i muscoli non sono in equilibrio, si verifica la distorsione posturale; la distorsione prende il via in muscoli e legamenti. Fin dagli inizi della K.A. si riconobbe che un muscolo raccorciato o ipertonico è il risultato della funzione alterata del suo muscolo antagonista. Lo squilibrio muscolare è alla base di gran parte delle alterazioni strutturali. Si dovrà correggere lo squilibrio muscolare prima di riuscire a far ritornare la struttura nella sua giusta posizione; il muscolo più forte riuscirà infatti a deviare la struttura verso di sé. Quando il muscolo è affetto da ipertonicità o da raccorciamento cronici, si manifesta il dolore. Correggendo la disfunzione del muscolo antagonista, il dolore del muscolo ipertonico spesso scompare.

LA KINESIOLOGIA APPLICATA E‟ NEUROLOGIA FUNZIONALE

LA KINESIOLOGIA APPLICATA E‟ NEUROLOGIA FUNZIONALE
La maggior parte dei test muscolari usati in K.A. non valutano la potenza di un muscolo; cercano piuttosto di capire in che modo il sistema nervoso controlli la funzione del muscolo.
 
   Ciò è stato definito;
“test neuro muscolare” “Neurologia funzionale”.

Omeostasi " Bio Psico Energetica "

Omeostasi " Bio Psico Energetica "
I cinque fattori intervertebrali
 
La maggior parte delle procedure d‟esame e di
trattamento in Kinesiologia, si ricollegano al sistema
nervoso, a quello linfatico e a quello vascolare, nonché
alla relazione esistente tra il liquido cerebrospinale, il
movimento respiratorio cranio-sacrale ed il sistema
dei meridiani.
 
Goodheart ha messo in correlazione questi cinque
fattori con il forame intervertebrale (colonna
vertebrale), ed ha coniato il termine “i cinque fattori
dell‟IVF”, per descrivere gli approcci d‟esame e di
terapia.